La “terribile” caduta di stile di FINECO

 

Nel leggere il contenuto di una delle tantissime mail inviate dalla direzione marketing di Fineco, alla propria clientela femminile (il cui testo riproduciamo in calce), siamo letteralmente sobbalzati.

Ma appena ripresi dall’iniziale stordimento e sincerati della sua originalità, è sopraggiunta la rabbia.

Anzi, diremo di più, ci ha pervasi un sincero sentimento di indignazione verso questa banca che considera la donna italiana come ferma agli anni ’50, quando la massima aspirazione per lei poteva solo essere quella di sposare “un buon partito”, mettere al mondo dei figli e pensare alla gestione della casa. Nessun accenno alla ricerca di indipendenza, di autorealizzazione al di fuori di un matrimonio, di viaggiare per il mondo.

Vergogna. Vergogna. Vergogna.

Un consiglio: licenziare in tronco l’ideatore della campagna.

Ecco il testo della mail:

 

Precedente Il coraggio della paura del private banker (italiano) Successivo Imparare costantemente. E' indispensabile!